Il Pensiero Computazionale : concluso il progetto Informatica presso la Scuola “Carducci” di Cesena

DSC_0028Lunedì 30 maggio presso la sede del Corso di Laurea in Ingegneria e Scienze Informatiche di Cesena (via Sacchi, 3) si è svolta la lezione conclusiva del progetto “Pensiero Computazionale” attivato all’inizio dell’anno scolastico 2015/2016 tramite un’apposita convenzione fra Criad (Centro di Ricerche e Studi di Informatica Applicata alla Didattica) emanazione di Ser.In.Ar. Forlì-Cesena (ente a sostegno dell’Università di Bologna), Direzione Didattica Statale 3° Circolo di Cesena, Istituto Tecnico Tecnologico “Pascal” di Cesena e FabLab Romagna, finalizzata a portare, all’interno della già citata Scuola Primaria “Carducci”, azioni formative innovative, con l’utilizzo di strumenti informatici avanzati.

All’evento hanno partecipato 80 alunni (nella foto), accompagnati dalle loro insegnanti (Flavia Persico, Bruna Borgognoni, Serena Cartocci, Arminda Iavarone e Renata Righi) che hanno ideato e sviluppato il progetto insieme ai docenti dell’Università, Alessandro Ricci e Angelo Croatti. Al progetto hanno partecipato anche alcuni studenti dell’ITT Pascal di Cesena, svolgendo presso la scuola Carducci il programma Alternanza Scuola/Lavoro, coordinati dal docente, Andrea Vaccari, presidente del FabLab Romagna.

Il progetto si è sviluppato utilizzando un linguaggio di programmazione open source denominato SNAP, evoluzione sviluppata all’Università di Berkeley di SCRATCH – quest’ultimo ideato al prestigioso MIT Media Lab. SCRATCH e suo fratello maggiore SNAP sono oggi fra le piattaforme più usate per insegnare “Pensiero Computazionale” nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, permettendo di veicolare i concetti principali del coding (programmazione) mediante linguaggi visuali a blocchi. La filosofia di fondo è riassunta dal motto “learn to code, code to learn”: ovvero imparare il coding è utile non solo come competenza informatica, ma come strumento per imparare e apprendere, per irrobustire la capacità di ragionamento e risoluzione dei problemi, per sostenere e dare forme nuove alla creatività dei bambini.

Nel corso dell’anno scolastico i bambini hanno avuto la possibilità, supportati dai docenti universitari Alessandro Ricci e Angelo Croatti, di misurarsi sulla creazione di diverse applicazioni scritte in SNAP, in forma di cartoline animate e giochi tematici, lavorando sempre in gruppi da 2/3 e quindi valorizzando aspetti come l’ascolto reciproco e la cooperazione. La cartolina conclusiva ultimata Lunedì all’Università, chiamata “Due Alianti su Cesena”, riguardava la simulazione di volo sulla città di Cesena di 2 alianti – uno per le seconde e uno per le terze, con la possibilità di dirigersi verso target ben precisi, ovvero luoghi della città particolarmente conosciuti dagli alunni.

Nel corso della lezione conclusiva gli alunni hanno ricevuto il diploma che attesta la partecipazione al progetto, visto l’entusiasmo dei ragazzi e i positivi risultati raggiunti continuerà all’inizio del prossimo anno scolastico.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *