Delegazione CRIAD negli USA alla Scratch Conference 2018

Una delegazione cesenate composta da Alessandro Ricci, Angelo Croatti, Laura Tarsitano (CRIAD – Ser.In.Ar.), Andrea Vaccari (presidente di FabLab Romagna) e Bruna Borgognoni (Scuola Primaria Carducci) ha partecipato dal 26 al 28 luglio, presso il prestigioso MIT (Massachusetts Institute of Technology di Boston – USA) alla Scratch Conference 2018, evento punto di riferimento per gli educatori e ricercatori di tutti il mondo impegnati in attività e progetti relativi al Coding e al Pensiero Computazionale nelle scuole.

Tra i contributi selezionati per essere presentati all’evento quest’anno c’era anche il progetto Cogito di Cesena, nato dalla collaborazione fra il CRIAD (Centro di Ricerche e Studi dell’Informatica applicata alla Didattica, emanazione di Ser.In.Ar.), la Scuola Primaria Carducci (Terzo Circolo) e il FabLab Romagna.

“Tale progetto – spiega Alessandro Ricci, direttore di CRIAD – sviluppato dal 2015 per 3 anni, ha visto la sperimentazione di attività e percorsi durante l’anno scolastico ideati da un team eterogeneo composto da professori e giovani ricercatori dell’Università di Bologna (Dipartimento di Informatica, Campus di Cesena) e insegnanti del Carducci, con l’obiettivo di utilizzare lo studio del “coding” (programmazione in ambito informatico) e del “pensiero computazionale” come strumenti al servizio dell’apprendimento e delle diverse materie, della capacità di risolvere problemi, di comunicare ed esprimere se stessi, di collaborare, di creare. In questa visione il computer e il coding sono diventati, nelle mani dei ragazzi, strumenti per un ulteriore e valido “linguaggio” da esser integrato in modo sinergico con gli tutti altri per creare, inventare, apprendere”.

La delegazione di Cesena, durante la tre giorni negli States, è stata impegnata in discussioni, dibattiti e confronti con delegazioni provenienti da 35 paesi di tutto il mondo, con i ricercatori del MIT Lifelong Kindergarten e di altre Università prestigiose (fra cui Harvard, Berkeley), portando un punto di vista innovativo e ambizioso: integrare il pensiero computazionale con il pensiero pedagogico e il patrimonio di valori culturali, metodologici e sociali relativo alla scuola di cui il nostro paese è un riferimento. Nell’occasione il gruppo cesenate ha avuto la possibilità di incontrare e interloquire con professori di fama mondiale come Mitch Resnick, direttore del MIT Lifelong Kindergarten e co-ideatore del linguaggio Scratch, e Cynthia Solomon, storica collaboratrice di Seymour Papert (1928-2016), padre nobile del costruzionismo e della visione a cui il CRIAD si ispira.

Il viaggio a Boston della delegazione cesenate è stato possibile grazie al supporto di diversi organismi del territorio, quali Ser.In.Ar., Confartigianato Cesena, Alexide, Banca di Credito Cooperativo di Sarsina, Gruppo Trevi, Collini Consulting e Fablab Romagna, che, condividendo i principi e gli obiettivi del progetto, hanno messo a disposizione le risorse per la trasferta negli Stati Uniti.

 

Potrebbero interessarti anche...